Per parlare con un gatto, ho imparato ad abbassare i miei occhi all'altezza dei suoi ed a guardarlo attentamente, da pari a pari. A quel punto il gatto comincia a parlarti, ed è impossibile non capire quello che ti dice.

Dedicato a Romeo, spirito libero, gattone sapiente e molto paziente, Gran Signore dei gatti di strada, guardiano per tanti anni del nostro giardino. Come desiderato dalle sue tante e care amiche di Blog.

giovedì 20 ottobre 2011

Benvenuta Lara







Bavaglino ricamato a macchina con filati Madeira,
l'alfabeto del fasciatoio è tratto dal libro
Rose,  Mango Pratique

martedì 4 ottobre 2011

Fra mare e cielo















.
¡Ah! vastedad de pinos, rumor de olas quebrándose,
lento juego de luces, campana solitaria,
crepúsculo cayendo en tus ojos, muñeca,
caracola terrestre, ¡en ti la tierra canta¡
En ti los ríos cantan y mi alma en ellos huye
como tú lo desees y hacia donde tú quieras.
Márcame mi camino en tu arco de esperanza
y soltará en delirio mi bandada de flechas.
.
En torno a mí estoy viendo tu cintura de niebla
y tu silencio acosa mis horas perseguidas,
y eres tú con tus brazos de piedra transparente donde mis besos anclan y mi húmeda ansia unida.
¡Ah! tu voz misteriosa que el amor tiñe y dobla
en el atardecer resonante y muriendo!
Así, en horas profundas sobre los campos he visto
doblarse las espigas en la boca del viento.
..
Ah vastità di pini, rumore d'onde che si frangono,
lento gioco di luci, campana solitaria,
crepuscolo che cade nei tuoi occhi, bambola
chiocciola terrestre, in te la terra canta!

In te i fiumi cantano e in essi l'anima mia fugge
come tu desideri e verso dove tu vorrai.
Segnami la mia strada nel tuo arco di speranza
e lancerò in delirio il mio stormo di frecce.

Intorno a me sto osservando la tua cintura di nebbia
e i1 tuo silenzio incalza le mie ore inseguite,
e sei tu con le tue braccia di pietra trasparente
dove i miei baci si ancorano e la mia umida ansia s'annida.

Ah la tua voce misteriosa che l'amore tinge e piega
nel crepuscolo risonante e morente!
Così in ore profonde sopra i campi ho visto
piegarsi le spighe sulla bocca del vento.



Pablo Neruda ,Venti poesie d'amore e una canzone disperata




A tutti i pini del mio scoglio troppo spesso maltrattati e  condannati a morte.

giovedì 22 settembre 2011

Brezza settembrina











 Sfumature in grigio verde che il sole esalta e le nuvole spengono, cromature infinite del mare settembrino, l'autunno entra dolcemente come una brezza, il mare finalmente si riappropria della sua pace a poco a poco...

Un piccolo cestino ricamato a machina e trapuntato con filati rayon Madeira ha preso forma, quasi  per caso, senza sapere bene che cosa sarebbe diventato. Alla fine è spuntata prima una vela, poi tante righe irregolari come la brezza disegna sul mare, ed infine altre righe più regolari si sono aggiunte  nell'interno. A questo punto ho deciso che ci sarebbe stato bene pure un manico, rifinito ormai l'interno l' ho cucito esternamente, ho rotto diversi aghi , lo strato era un vero malloppo, la cucitura non è delle più precise, ma tutto sommato il lavoro finito non mi dispiace. E' ora di riprendere con le crocette, mi aspettano due lavori abbandonati da troppo tempo che voglio assolutamnte finire  mentre già nuove idee si fanno strada impazientemente...



lunedì 5 settembre 2011

Un mare di borsine
















Finalmente settembre, nessun rimpianto per agosto. La mia estate inizia ora, nel frattempo  ho confezionato  diverse borsine ( tuto qui ) che sono piaciute e sono partite per varie destinazioni. Non è stato uno scherzo fissare lo spago con il filo trasparente che si rifiutava di rimanere nella cruna dell'ago mettendo a dura prova i miei occhi, ma con le barchette ho preso una rivincita e sono stata a guardare mentre la macchina   ricamava ed il disegno  si materializzava sulla tela.
Per le crocette ancora un pò di pazienza...

sabato 6 agosto 2011

Un faro tra i fiori







Fili colorati hanno materializzato sulla tela un faro,  è stato un colpo di fulmine che mi ha subito fatto pensare all' amica Marina sull'altra sponda del nostro stivale, e mi piaceva che il faro racchiudesse la passione condivisa per il mare e le sue sentinelle con qualcosa che provenisse dal mio mare, mischiato con l'amore per il verde (fiori,alberi,giardini e non solo...) che a volte la poesia sa regalarci.

Marina  mi ha dedicato un bellissimo post , le sue foto riescono sempre a catturare "oltre" l'immagine l'essenza di un discorso che certe volte passa per un filo ed un semplice pezzo di stoffa.  



Related Posts with Thumbnails